Mandato ai sindaci da La Nuova Periferia del 14 febbraio

Due terzi dei Comuni al voto. Un po’ di più se si prende come riferimento l’intero territorio regionale, un po’ di meno se si considerano i soli Comuni appartenenti alla Città Metropolitana di Torino. In numeri: 800 (su 1180) in Piemonte, di cui 204 (su 312) nella provincia torinese. Insomma, si tratta di un turno elettorale che modificherà o confermerà gran parte delle amministrazioni locali, alcune anche nel chivassese e nella collina del Monferrato torinese.

Continua a leggere

Giorno del ricordo

Tra il 1943 e il 1947, la popolazione di lingua e cultura italiana di Istria e Dalmazia è stata vittime della pulizia etnica portata avanti dalle milizie di Tito. Una tragedia spesso considerata di serie B e ancora oggi oggetto di strumentalizzazioni politiche, se non addirittura di negazionismo, che invece merita di essere celebrata nel Giorno del Ricordo, ma soprattutto studiata e approfondita. Per chi volesse farlo, ecco una breve bibliografia.

Continua a leggere

Una proposta per i nostri territori

In anni difficili, caratterizzati da una pandemia mondiale che ha messo a dura prova il servizio sanitario regionale, il Presidente Cirio è riuscito a far ripartire il Piemonte, recuperando posizioni proprio nell’offerta di salute ai cittadini – il tutto, con la consapevolezza, in primis da parte sua, che il percorso intrapreso è quello giusto ma è ben lungi dall’essere completato – e in tema di infrastrutture strategiche.

Continua a leggere

Molto più di una doggy bag

Vale milioni di euro – una decina secondo le stime più prudenti – il cibo sprecato nel nostro Paese. Stando ai dati forniti dal Corriere della Sera sul 2023, “ogni anno in Italia vengono sprecati 8,65 milioni di tonnellate di cibo. A livello pro capite, ogni italiano ne butta 146 chili, 15 in più rispetto alla media europea, con il 73% dello spreco che si verifica in casa”.

Continua a leggere

Corriere della Sera del 29 dicembre 2023

Il podcast House of Carlo e i post su TikTok (seguiti oltre le mie aspettative) sono stati lo spunto per una bella chiacchierata con la giornalista Francesca Angeleri, con cui siamo finiti a parlare di politica, formazione, giovani e futuro, le tematiche che sento come mie. Grazie Francesca per la sensibilità e grazie al Corriere Torino per lo spazio che mi ha dedicato.

Leggi l’articolo sul sito del Corriere qui.

Continua a leggere

Via da Saluggia, il prima possibile!

Il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica ha finalmente pubblicato sul proprio sito l’elenco delle aree idonee per il deposito nazionale delle scorie nucleari e per il parco tecnologico, contenuto nella Carta Nazionale delle Aree Idonee (Cnai). Un’ottima notizia, che certifica la serietà del lavoro del Ministro Gilberto Pichetto e del Governo Meloni.

Continua a leggere

865 milioni di euro al Piemonte

Non più tardi di ieri scrivevo della necessità di assumere nuovo personale (leggi l’articolo qui), nell’ottica della riorganizzazione della sanità pubblica piemontese. Ebbene, 175 milioni di euro saranno investiti dalla Regione Piemonte per l’assunzione nei prossimi anni di 2.000 fra medici, infermieri e operatori sanitari, con cui compensare in maniera parziale i 9 mila posti scoperti.

Continua a leggere

Ripensare e riorganizzare la sanità pubblica

La Legge 833 del 23 dicembre 1978 ha istituito il Servizio Sanitario Nazionale, che si basa su tre principi cardine: l’universalità, l’uguaglianza e l’equità. Sancisce il concetto di salute inteso come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, come dettato dall’articolo 32 della Costituzione. È una tappa fondamentale per lo sviluppo della sanità italiana, che ancora oggi spicca in Europa e nel mondo per l’eccellenza delle sue prestazioni.

Continua a leggere

25 novembre: una giornata che deve durare tutto l’anno

Ho fatto passare qualche giorno dal brutale omicidio di Giulia – a lei dedico un ricordo carico di affetto, da padre di una figlia un po’ più giovane, e alla sua famiglia un abbraccio pieno di solidarietà umana – per parlare di femminicidio, perché non mi piace rincorrere la cronaca. Alle reazioni di pancia, inevitabili di fronte a tragedie di questa portata, preferisco il ragionamento, quello che distingue – o dovrebbe distinguere – la politica dai tifosi.

Continua a leggere